Visioni d'Oriente (2018-19)

Il 16 ottobre 2018 al Museo degli Sport di Combattimento sarà inaugurata la mostra Visioni d'Oriente, la tredicesima collettiva d’arte allestita nel Museo.
La mostra ha il patrocinio del CONI e dell'Accademia Olimpica Nazionale Italiana.
 
Alla mostra collettiva sarà abbinata la personale di fotografia: Once upon a Fight, di Emanuele Di Feliciantonio.

Per Oriente intendiamo lo sterminato territorio che va dalla Mesopotamia all'India, alla Cina e al Giappone, dove sono fiorite importanti civiltà.
Quindi potete ispirarvi a un'infinità di soggetti di tantissimi paesi, quali: monti (per esempio il Fujiyama); foreste, parchi e giardini; mari, fiumi e cascate (p.e. la famosissima Grande onda di Hokusai); piante e fiori (p.e. il ciliegio, simbolo di bellezza e caducità); animali (p.e. tigri e aironi); personaggi (Buddha, Confucio, Laozi, imperatori, condottieri, ecc.); episodi storici celebri, leggende, tradizioni (p.e. la cerimonia del tè); arti marziali (maestri e discipline quali tai chi, judo, aikido, kendo, kyudo, ecc.); luoghi e architetture (la Grande Muraglia, il Taj Mahal, castelli, monasteri, pagode, ecc.); letteratura e teatro (p.e. il Kabuki); arte e artigianato; abbigliamento (p.e. i magnifici kimono che indossano molte figure femminili). Uno sguardo alle opere dei grandi artisti occidentali (soprattutto quelli affascinati dal giapponismo) e orientali (Hokusai, Hiroshige, Kuniyoshi, Utamaro, ecc.) vi sarà certamente di aiuto. Non trascurate neppure il cinema, che sull'Oriente ha prodotto celebri film.

 
Invito.jpg
 
 

 
 Hokusai, La grande onda a Kanagawa (da: 36 vedute del monte Fuji)


 Torii al santuario shintoista di Itsukushima


 Il castello di Himeji (o castello dell'Airone bianco) tra i ciliegi in fiore
 Dal 1993 fa parte dei Patrimoni dell'umanità UNESCO



 La dama Rokujo, di Uemura Shoen

 Tsuba (guardia della katana)